0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Sala StampaSalvini frena sulla Cina. Ma ora teme la vendetta...

Salvini frena sulla Cina. Ma ora teme la vendetta di Trump

-

La Lega frena sulla rotta della Nuova Via della Seta. Un modo per rassicurare gli Stati Uniti,che più volte hanno fatto capire al governo italiano di non essere assolutamente d’accordo sulla strada intrapresa nei riguardi della Cina.

Ma potrebbe non bastare dal punto di vista dell’amministrazione di Donald Trump, che aveva parlato chiaro su alcuni punti che invece non sono stati esclusi dal memorandum d’intesa fra Italia e Cina: porti di Genova e Trieste e telecomunicazioni.

Il monito di Washington era stato chiaro. E gli Usa pensavano di essere stati molto chiari durante l’ultimo viaggio di Giancarlo Giorgetti negli States e con i contatti dell’ambasciatore Lewis Eisenberg con i vari rappresentanti del governo (il sottosegretario ma anche con Giovanni Tria). Avevano chiesto garanzie al governo in generale e al Carroccio in particolare. Ma non è bastato a far desistere Palazzo Chigi da un memorandum che è stato una vittoria politica formidabile da parte della Cina di Xi Jinping.

LEGGI L’ARTICOLO

Corsi Online

Articoli Correlati

Biden the Realist

President Joe Biden was supposed to return U.S. foreign policy to its pre-Trump path. A septuagenarian with a half...

Insurgency is easier than governing: the future of the taliban in Afghanistan

With the fall of President Ashraf Ghani’s government and the withdrawal of U.S. and NATO forces, most of Afghanistan...

Biden, tornando a casa

Il ritiro dall'Afghanistan degli Stati Uniti e i timori di Ucraina e Taiwan, di essere lasciate sole davanti all'influenza...

Afghanistan Hasn’t Damaged U.S. Credibility

As predictable as the sunrise, a chorus of reflexive hard-liners, opportunistic foreign adversaries, and even some usually sensible commentators...