0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Sala StampaIn Siria le stragi non fermeranno la guerra

In Siria le stragi non fermeranno la guerra

-

Con l’offensiva nella regione di Idlib, che doveva servire da zona di deterrenza in cui trasferire elementi dell’insurrezione e sfollati interni, il regime di Damasco, forte del sostegno dell’Iran, intende schiacciare ciò che resta della ribellione democratica.
Gli intensi bombardamenti che hanno colpito la Ghouta orientale, ancora controllata dai ribelli, hanno causato 250 vittime (civili) in 48 ore. Si tratta del più feroce attacco in sette anni di guerra, definito da The Guardian un massacro simile a quello di Srebrenica.

LEGGI L’ARTICOLO

Corsi Online

Articoli Correlati

Biden the Realist

President Joe Biden was supposed to return U.S. foreign policy to its pre-Trump path. A septuagenarian with a half...

Insurgency is easier than governing: the future of the taliban in Afghanistan

With the fall of President Ashraf Ghani’s government and the withdrawal of U.S. and NATO forces, most of Afghanistan...

Biden, tornando a casa

Il ritiro dall'Afghanistan degli Stati Uniti e i timori di Ucraina e Taiwan, di essere lasciate sole davanti all'influenza...

Afghanistan Hasn’t Damaged U.S. Credibility

As predictable as the sunrise, a chorus of reflexive hard-liners, opportunistic foreign adversaries, and even some usually sensible commentators...