0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheMedio Oriente e Nord AfricaMedio Oriente: l’instabilità yemenita

Medio Oriente: l’instabilità yemenita

-

Recentemente, è stata adottata la Risoluzioni n. 2511 sul contesto yemenita nell’ambito del più generale quadro medio orientale, con l’obiettivo precipuo di evidenziare l’instabilità politica, di sicurezza, economica ed umanitaria del Paese.

Con la Risoluzione n. 2511 del 25 Febbario 2020, il Consiglio di Sicurezza ha voluto dapprima ribadire la necessità del raggiungimento dell’unità, della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale yemenita, nel più ampio e complesso quadro medioorientale, esprimendo grande preoccupazione per le innumerevoli sfide che lo Yemen si trovava ad affrontare: a partire dal quadro politico, passando per quello della sicurezza, dell’economia ed arrivando al contesto umanitario. 

Con riguardo a quest ultimo contesto, quello umanitario, il Consiglio di Sicurezza, rifacendosi al Report Finale (S/2020/70) del Panel di Esperti (istituito ai sensi della risoluzione n. 2140 del 2014), ha espresso profonda preoccupazione per i numerosi e reiterati casi di violazioni dei diritti umani, come abusi sessuali nelle zone controllate da Houthi, reclutamento di bambini soldato nei conflitti armati, sparizioni forzate e le minacce scaturenti dal trasferimento ed uso illecito delle armi (di cui si prevedeva l’emargo già al par. 14 della risoluzione n. 2216 del 2015).    

Un’ulteriore questione emersa, nella disamina dei problemi concernenti lo Yemen, ha riguardato l’interrelazione scaturente tra rischi ambientali da un lato, e le difficoltà incontrata da parte dei funzionari Onu nello svolgere quanto previsto nel mandato, come le ispezioni alla petroliera Safer, nel nord del Paese e sotto controllato Houthi, dall’altro. 

Già da questi primi elementi summenzionati, si potrebbero facilmente evincere le sfide che lo Yemen è chiamato a fronteggiare, motivo per il quale, lo stesso Consiglio di Sicurezza, nell’ambito di tale risoluzione, ha  posto in evidenza l’importanza della volontà da parte di tutti gli attori coinvolti nel conflitto yemenita per addivenire ad una risoluzione delle controversie, tramite il dialogo e la consultazione e  rifuggendo  altresì la violenza per il perseguimento di qualsivoglia obiettivo politico, ribadendo poi l’obbligo imprescindibile, del rispetto del diritto internazionale, del diritto umanitario e del diritto internazionale dei diritti umani, e ringraziando al contempo il Segretario Generale delle Nazioni Unite, per l’impegno profuso, nell’ambito del processo di transizione yemenita, da parte dell’Inviato Speciale per lo Yemen, Martin Griffiths

Dopodiché, è stato evidenziato come il quadro di instabilità generale fosse stato aggravato dalla presenza dei gruppi terroristici  affiliati ad AQAP (Al-Qaida nella Penisola Arabica) e al Da’esh (ISIS, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante), i quali detenendo il controllo di tutto il Paese, hanno prodotto un impatto destabilizzante sullo Yemen e nella regione circostanze, concorrendo ad aggravare la già precaria situazione umanitaria delle popolazioni civili ivi presenti.  

Per tali motivi, gli sforzi del Consiglio di Sicurezza nel voler implementare misure quali elenchi di individui, gruppi ed imprese segnalati per finalità terroristica, così come le sanzioni annesse (come ricordato dal par. 2 della risoluzione n. 2253 del 2015), e la collaborazione da parte degli Stati membri della regione per incoraggiare una maggiore facilitazione tra le parti, sono stati considerate imprescindibili all’interno di tale risoluzione, quale mezzo per combattere l’attività terroristica nello Yemen (sulla base delle precedent risoluzioni n. 2140 e n. 2216 ). 

Infine, si è espressa grande preoccupazione per la devastante situazione umanitaria, resa ancor più drammatica dalle interferenze riscontrate nelle operazioni di aiuto, assistenza e nella consegna di beni primari alla popolazione civile, nelle zone controllate da Houthi. 

Per tutto quanto summenzionato, il Consiglio di Sicurezza ha evidenziato altresì la necessità e l’urgenza che il Comitato (istituito ai sensi del par. 19 della risoluzione n. 2140) evidenzi le raccomandazioni contenute nelle relazioni del Panel di Esperti, istituiti a tale proposito. 

Ma qual era la situazione precedente l’approvazione della risoluzione n. 2511?  

Nel Comunicato Stampa  del 30 gennaio 2020, l’allora Presidente del Consiglio di Sicurezza Dang Dinh aveva riportato le molte preoccupazioni dei membri del Consiglio di Sicurezza, in merito all’escalation di violenza in alcune zone dello Yemen, come  Nehm e Al Jawf  e al loro impatto sui tanti civili, in gran parte sfollati, in seguito alle violenze stesse, oltre al fatto che tale ripresa delle ostilità, concorresse a minare i progressi raggiunti, faticosamente, nel corso del periodo precedente.   

Tutto ciò portava poi gli Stati membri a chiedere con fermezza l’immediata cessazione delle ostilità, l’eliminazione di qualsivoglia forma di violenza, insieme al rispetto degli obblighi derivanti dal diritto internazionale umanitario e dal diritto internazionale dei diritti umani, soprattutto con riguardo alle categorie più vulnerabili quali donne e bambini; oltre al perseguimento dei responsabili di gravi crimini. Parallelamente, veniva rinnovato il pieno sostegno agli sforzi profusi da parte dell’Inviato Speciale del Segretario Generale per lo Yemen, auspicando altresì una nuova distensione che potesse porre le premesse per successivi negoziati sotto l’egida delle Nazioni Unite, ponendo così le premesse, auspicabili, per la fine del conflitto e l’instaurazione di una transizione pacifica nel Paese.  

All’interno del medesimo comunicato stampa, gli Stati membri accoglievano favorevolmente il  ponte aereo di evacuazione medica-da Sana’a ad Amman e al Cairo- fissato per il successivo 27 gennaio, ribadendo altresì la richiesta alle parti in conflitto del mantenimento del cessate il fuoco ed auspicando auspicavano  una più assertiva attuazione dell‘Accordo di Stoccolma, parallelamente agli impegni per una soluzione politica inclusiva (come previsto dalla risoluzione n. 2216 del 2015, dall’iniziativa del Consiglio di Cooperazione del Golfo  e dall’esito della Conferenza  Globale del Dialogo Nazionale), così come, precedentemente, avevano  accolto favorevolmente l’impegno   ad attuare l’Accordo di Riyadh.   

Infine veniva chiesta l’immediata cessazione di tutte le intimidazioni nei confronti degli operatori umanitari, consentendo a questi di poter prestare assistenza e far arrivare le forniture previste, soprattutto nel nord del paese e ribadendo quanto fesse importante per il Consiglio di Sicurezza che lo Yemen riuscisse ad incamminarsi verso una stabilizzazione generale, attraverso il raggiungimento della propria unità, sovranità, indipendenza  ed integrità territoriale. 

L’approvazione della risoluzione n. 2511 

 Il Consiglio di Sicurezza, visto il permanere se non in alcuni casi l’acuirsi dell’instabilità generale presente nel Paese ha deciso, ad esempio di prorogare le misure previste ai par. 11 e 15 della risoluzione n. 2140, rispettivamente sul congelamento temporaneo di attività finanziarie, risorse economiche prsenti sul  territorio  yemenita e possedute o controllate dalle persone o dai gruppi collegati ad attività terroristiche (e come tali segnalati dal Comitato, in base al par. 19 della stessa risoluzione) e sul divieto di ingresso o transito sul territorio yemenita alle stesse persone, fino alla data del 26 Febbraio 2021.  

Inoltre, sono state ribadite le disposizioni dei paragrafi 12, 13, 14 e 16 della medesima risoluzione n. 2140 con riferimento a: 

  • Misure imposte dal par. 11 di cui sopra che non vanno applicate nei casi di risorse economiche, attività finanziarie o fondi  necessari a far fronte a spese quali l’acquisto di generi alimentari, medicinali o cure mediche, così come il pagamento di affitti, spese legali  o amministrative, o spese straordinarie (queste ultime notificate dagli Stati interessati al Comitato e da questo essere approvati (par. 12); 
  • Sempre in base al par. 11, sono consentiti da parte degli Stati, versamenti di interessi o profitti su conti, derivanti da contratti, stipulati prima del congelamento dei conti medesimi (par. 13)
  • In base al par. 11, se persone o gruppi rientranti negli elenchi di coloro che sono stati segnalati dal Comitato devono effettuare pagamenti nell’ambito di un contratto concluso prima dell’inserimento nell’elenco.possono farlo, purché tali pagamenti non siano collegati e ricevuti da altra persona o entità posta nell’elenco e previa notifica al Comitato da parte degli Stati interessati (par. 14); 
  • Le misure del par. 15 di cui sopra invece non vengono applicate quando il Comitato, o uno Stato (che dovrà darne notifica al Comitato medesimo) valutino uno spostamento giustificato da esigenze umanitarie, compresi gli obblighi religiosi; in osservanza ad un procedimento giudiziario; se volto a favorire obiettivi che favoriscano la pace e la riconciliazione nazionale; e quando uno Stato stabilisce, caso per caso, che tale ingresso o transito è necessario per far progredire la pace e la stabilità nello Yemen (par. 16); 

A quanto summenzionato, vengono annoverate, da parte del Consiglio di Sicurezza, anche le disposizioni dei par. 14 e 17 della risoluzione n. 2216, rispettivamente in merito a persone e gruppi segnalati, che agiscono per conto di gruppi terroristici o meno, che si servono di mezzi quali navi ed armi così come di assistenza tecnica, finanziaria o di altro tipo e con riferimento ad ispezioni da parte degli Stati membri. 

In aggiunta, il Consiglio di Sicurezza ha ribadito una ferma condanna dell’uso della violenza sessuale nei conflitti armati, così come dell’impiego di bambini soldato nei conflitti stessi, in quanto violazione del diritto internazionale (par. 18 della risoluzione n. 2140) ed atti che minacciano la pace, la sicurezza o la stabilità dello Yemen, (par. 17della stessa risoluzione n. 2140). 

Inoltre si è decisa una proroga del mandato del Panel di Esperti fino al 28 marzo 2021  (par. 21 delle risoluzioni n. 2140 e n. 2216), con l’intenzione di rivedere il mandato e adottare le misure appropriate per la proroga, stabilendo al contempo che il Panel dovrà cooperare con altri Panel di esperti in sanzioni, precedentemente istituiti dalle risoluzioni n. 1526 del 2004 e n. 2368 del 2017. Ovviamente, perché il lavoro di tali panels proceda speditamente e senza tentennamento alcuno è necessario che venga garantita loro, da parte di tutti-parti in conflitto, Stati membri ed organizzazioni- tutta la cooperazione, sicurezza ed il libero accesso a persone, documenti e luoghi, possibile, seguendo altresì quanto riportato nella Relazione del Gruppo di Lavoro Informale sulle Questioni Generali delle Sanzioni (S/2006/997) in merito alle best practices da adottare. 

Per concludere, si può ben vedere quanto il panorama yemenita riportato nella presente risoluzione continui ad essere particolarmente instabile, rappresentando una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale. Da ciò ne scaturisce l’auspicio per una repentina attuazione della transizione politica, che tenga conto di quanto stabilito precedentemente, per mezzo della Conferenza Globale del Dialogo Nazionale, del Consiglio di Cooperazione del Golfo, di questa e delle precedenti risoluzioni in materia, al fine di raggiungere l’obiettivo di una stabilizzazione generale, che porti giovamento in primis e finalmente alla popolazione del luogo. 

Corsi Online

Articoli Correlati

Le molte insidie per la transizione di Saïed

Prosegue la fase di lento spegnimento del regime politico tunisino nato con le Primavere arabe a opera del Presidente...

L’Unione Africana necessita di un panafricanismo più radicale per superare le sfide del continente?

L’Unione Africana (UA) versa oggi in uno stato di profonda fragilità che, nonostante l’entusiasmo iniziale, ha da sempre accompagnato...

Il Dubai Air Show e la vendita degli F-35 agli Emirati Arabi Uniti

Al salone di Dubai le autorità americane hanno lasciato intendere che la vendita degli F-35 e dei droni Reaper...

La conferenza di Parigi: un percorso non facile per la stabilità della Libia

L’intesa promossa da Italia, Francia e Germania punta sulle elezioni del 24 dicembre, senza le ingerenze di Russia e...